Ma il tech è davvero un settore solo da uomini?

Il tech? una cosa da uomini. Un allarme che non riguarda solo l’Italia, che su certi temi non si è nemmeno messa in moto. La protesta arriva dagli Stati Uniti, dalla Silicon Valley per la precisione. Proprio qui infatti si registra un forte sessismo, con troppi uomini impegnati in ruoli dirigenziali e di programmazione, mentre le donne sono presenti per lo più nel ruolo di segretarie e assistenti. Ma il tech è davvero un settore solo da uomini?

Secondo l’Atlantic, che ha dedicato la sua storia di copertina a questa vicenda, non solo il tech non è un campo di conquista solo degli uomini, ma addirittura potrebbe essere rivendicato un ruolo centrale da parte delle donne nello sviluppo delle nuove tecnologie.

In questo breve video (in inglese, ma molto comprensibili) Atlantic spiega perchè. Ecco il link

Perché il settore tech è dominato da uomini?

E in Italia cosa succede? le donne nel tech sono poche, anche se in crescita. Lo annunciava l’8 marzo in maniera trionfale il Sole 24 Ore con l’articolo Crescono le donne nel tech. In realtà le donne sono nelle migliore delle ipotesi il 20 per cento del totale in molte posizioni, addirittura sono il 5 per cento nel ruolo di Chief Technology Officer. Solo come social media strategist hanno segnato un interessante sorpasso sui colleghi uomini e le donne sono più della metà. Ma probabilmente per la natura di questa attività, meno legata alla programmazione, alla tecnologia vera e ritenuta meno strategica.

Le aziende raramente fanno politiche che agevolano l’inserimento delle donne in questo settore, nonostante l’apporto femminile sia tutt’altro che marginale. Una donna che parla di tecnologia anzi è a volte ritenuta quasi inappropriata, viene vissuta con un certo fastidio. Verrebbe quasi da pensare che qualcuno voglia farci credere che matematica, ingegneria, programmazione non siano temi da donne.

Io credo che siano campi in cui possono eccellere persone preparate e intuitive, e non mi importa molto del loro sesso. Ma se poi si guardano i dati e ci si rende conto che le donne sono così visibilmente discriminate in questo settore, allora devo riconoscere che c’è un problema e che va affrontato.

Come?

  1. alle giovani donne devono essere proposti modelli femminili che in questo campo eccellono, perchè il ruolo dell’emulazione è fondamentale quando si deve decidere cosa fare “da grandi”. Ecco un elenco di Le 15 donne italiane più influenti nel digitale
  2. le aziende dovrebbe prestare maggiore attenzione nelle assunzioni e offrire possibilità di crescita alle persone meritevoli, indipendentemente dal loro sesso. Facendo anche un po’ di autoanalisi: se sono un’azienda che impiega donne solo nel ruolo di segretarie e assistenti, mi devo fare delle domande.

Secondo voi, cos’altro potrebbe essere fatto per stimolare la partecipazione delle donne al mondo delle tecnologie?

condividi