Dieci testi chiave per comprendere il femminismo, ma in Italia non sono arrivati

Quali sono i dieci libri che possono essere considerati una pietra miliare del femminismo? Eccoli, ma in Italia non li troverete.

Il Guardian ha steso la classifica dei dieci testi fondamentali. Per chi vuole approfondire e saperne di più sul pensiero femminista, una bella occasione per iniziare a capirne qualcosa. Peccato che se siete italiane la gran parte di questi testi per voi sarà inaccessibile, perché non è mai stato tradotto in italiano oppure perché, anche se ha avuto una traduzione italiana, è ormai fuori catalogo.

Di fatto per le donne italiane da sempre è precluso l’approfondimento sui temi di genere. Non esistono università specializzati in studi di genere, la critica letteraria di genere è una nicchia, la medicina di genere un approccio innovativo per pochi fissati.

A noi donne italiane il pensiero femminista è stato praticamente negato, senza darci la possibilità di accedere ai testi delle grandi pensatrici internazionali. E se le idee non circolano, non crescono e non si diffondono, naturalmente. I testi sono disponibili in inglese, in molti casi in e-book in inglese, ma non è certo un tipo di lettura accessibile per tutti. Si tratta di testi che possono essere considerati sorpassati? assolutamente no, se ancora oggi sono considerati dei capisaldi. E poi in molti casi in Italia non sono arrivati nemmeno quando erano di attualità.

Non è una esagerazione, se scorriamo la lista dei libri ve lo dimostro.

1. The Second Sex, Simone de Beauvoir (1949)

Il Secondo Sesso naturalmente potete trovarlo disponibile anche in una recente edizione de Il Saggiatore. Peccato che, uscito nel 1949, in Italia è arrivato nel 1961. Le italiane hanno potuto accedere al pensiero della De Beauvoir dieci anni dopo il resto delle donne europee e non solo.

Dieci testi del femminismo - Simone De Beauvoir

2. The Feminine Mystique, Betty Friedan (1963)

La mistica della femminilità è stata tradotta in italiano, è un testo chiave. Però non ci sono edizioni recenti. Se siete fortunate potete trovarlo in biblioteca o su qualche bancarella di libri usati. L’edizione più recente non è infatti più disponibile in vendita.

3. Sexual Politics, Kate Millett (1970)

Stesso destino per La politica del sesso uscito per Rizzoli in una edizione del 1971. Anche questo testo potete solo sperare di trovarlo tra i libri usati. Eppure questo testo è alla base del femminismo radicale.

4. The Female Eunuch, Germaine Greer (1970)

L’eunuco femmina racconta come le donne siano state oppresse e che quindi necessitano di essere liberate. Una liberazione che però non deve significare uguaglianza, ma rispetto delle differenze. Mi dispiace, anche questo fuori catalogo.

5. Against Our Will, Susan Brownmiller (1975)

Contro la nostra volontà, un testo che parla di violenza sessuale. Un libro che ha fatto luce sulla crudeltà dei reati di stupro e che è stato alla base di movimenti di protesta in tante parti del mondo. Bompiani lo aveva editato nel 1976, ma adesso è fuori catalogo. Dovete continuare a tenere d’occhio le bancarelle.

6. Beyond the Fragments, Rowbotham, Segal, Wainwright (1979)

Socialismo femminista, società ineguale, tutti temi che a noi italiane non interessano, a quanto pare. Questo pamphlet non è mai stato tradotto ed editato.

7. Ain’t I a Woman: Black Women and Feminism, bell hooks (1981)

Black woman, disuguaglianze, povertà e marginalizzazione. Si parla di minoranza e di presa di coscienza dei diritti di queste minoranze. Anche questo mai tradotto.

8. Intercourse, Andrea Dworkin (1987)

Una critica feroce alla pornografia, accostata allo stupro e altre forme di violenza controle donne. Una femminista radicale, che però non è mai arrivata in Italia.

9. The Beauty Myth, Naomi Wolf (1990)

Il mito della bellezza, naturalmente non è disponibile, ma è uscito in Italia nel 1991. L’inserimento della Wolf in questa lista farà storcere il naso a qualcuno, perché non è un’autrice apprezzata da tutti. Ma la lista non l’ho fatta io. E in ogni caso leggerlo sarà quasi impossibile, a meno che non abbiate vicino casa una biblioteca molto fornita.

10. Bad Feminist, Roxane Gay (2014)

Viene considerata la teorica della quarta corrente del femminismo, ma non è mai stata tradotta in Italia. Almeno fino ad oggi.

Desolante, non so in quale altro modo commentare. Significa che alle donne italiane è di fatto precluso di entrare in contatto con il pensiero femminista mondiale. Qualcuno potrà dire che gli editori non impegnano energie e investimenti per editare libri che leggeranno solo una nicchia di persone. Ma sono così sicuri che siamo solo una nicchia?

condividi