Revolutionary Road e il sogno di un matrimonio anticonformista

Scritto nel 1961 da Richard Yates racconta la storia di una donna che si sente prigioniera del ruolo di moglie e madre. Non voler avere figli è rivoluzionario ancora oggi?

Quando uscì nel 1961 “Revolutionary Road” di Richard Yates fu subito bollato come un capolavoro di realismo. In effetti April e Frank, la coppia sposata protagonista del libro, esce dalla pagina, diventa reale, immersa in situazioni e conversazioni che non hanno niente di costruito ma che sembrano assolutamente vere. Il matrimonio è in primo piano, il rapporto di coppia il vero protagonista. E non ne esce bene.

Continue reading “Revolutionary Road e il sogno di un matrimonio anticonformista”

Sono una mamma, non una super eroina

Il mito della supermamma imperversa, ma siamo sicuri che per essere madri ci voglia un fisico bestiale?

Lo dico subito: diverse donne troveranno antipatico questo articolo. Mi dispiace, non voglio rovinare la festa a nessuno, ma basta SUPER MAMME, non ne posso più. Siamo così sicure che sia una missione così straordinaria? Blog, articoli sulla stampa, libri, tutti a raccontare quell’incredibile faticaccia dell’essere madri.

Continue reading “Sono una mamma, non una super eroina”

Donne in fuga, una tentazione alla quale ha ceduto anche Agatha Christie

Nel 1926 la celebre scrittrice scomparve misteriosamente. Il rapporto tra donne e fuga è molto usato nei libri: qui ve ne indico qualcuno

Era il 3 dicembre del 1926 quando Agatha Christie scomparve misteriosamente: la sua auto fu trovata in fondo a un dirupo e di lei non c’era traccia. Per undici giorni di questo mistero si interessò la stampa di tutto il mondo: era già una giallista conosciuta e la sua scomparsa faceva pensare che fosse diventata la protagonista di uno dei delitti di cui scriveva così bene. Ma non era così: Agatha Christie era semplicemente fuggita. Le donne e la fuga: un tema che mi ha sempre molto affascinato. Ma quella di Agatha Christie fu una fuga particolare.

Continue reading “Donne in fuga, una tentazione alla quale ha ceduto anche Agatha Christie”

Le donne e la Resistenza: combattenti, ma anche donne del popolo

Donne coraggiose, che morirono ingiustamente. Come Teresa Gullace, ricordata in “Roma città aperta”

E’ indimenticabile l’immagine di Anna Magnani che in “Roma città aperta” corre dietro alla camionetta che le sta portando via il marito, morendo con un colpo di fucile di fronte al figlio e a tutto il quartiere. Quella storia non è finzione, è ispirata a quello che è successo davvero a Teresa Gullace.

Continue reading “Le donne e la Resistenza: combattenti, ma anche donne del popolo”

La Resistenza delle donne: chi sono le 17 che hanno ricevuto la medaglia d’oro al valore militare

Sono state 35 mila le donne partigiane, ma solo in 17 sono state decorate con la medaglia d’oro al valore militare

Eroismo, audacia, coraggio: sono queste le parole che sono state usate per descrivere il contributo delle donne alla Resistenza. Sono state 35 mila le partigiane, 70 mila hanno fatto parte dei gruppi di difesa. Hanno imbracciato le armi quando necessario, hanno saputo organizzare missioni complicate, dare sostegno non solo materiale. Eppure solo in 17 si sono meritate la medaglia d’oro al valore militare e la maggioranza di loro sono state dimenticate dalla storia, non hanno nemmeno una pagina su Wikipedia.

Continue reading “La Resistenza delle donne: chi sono le 17 che hanno ricevuto la medaglia d’oro al valore militare”